top of page

Come nasce L'ABbraccio


Salve a tutti!


Dall’altra parte dello schermo c’è Rosita, italiana a Bruxelles con il sogno di aiutare le famiglie a vivere con armonia la propria genitorialità. Era il lontano 2007 quando un aereo mi portò a Tegucigalpa, in Honduras, e iniziava la mia vita di cooperante ed italiana all’estero. Dopo l’Honduras, ho vissuto in Argentina, in Uruguay ed in Francia. In giro per l’America Latina ho scoperto la mia passione verso l’insegnamento dell’italiano. Con la nascita di mia figlia Gaia Sole, la mia passione si è incrociata con l’interesse verso la pedagogia e la pratica della genitorialità positiva.


L’arrivo della piccola di casa mi ha fatto anche cambiare categoria, da italiana all’estero sono passata ad essere genitore italiano all’estero. Personalmente, questo cambiamento ha voluto dire vivere la genitorialità intensamente e, come direbbe Cetto Laqualunque, “troppamente”, nel senso che se non si ha la famiglia di provenienza accanto pronta a darti una mano quando ci si sente stanchi, soprattutto quando i bambini sono piccoli, le emozioni che proviamo sono spesso più amplificate e difficili da gestire.


D’altro canto, la lontananza ci ha aiutati a staccarci da modelli e usanze che di sicuro avremmo imposto a nostra figlia se fossimo stati in Italia. Sicuramente il confrontarci con modelli di genitorialità diversi da quelli con cui siamo stati a contatto ci ha aiutati a riflettere e capire meglio cos’è giusto e necessario nella gestione quotidiana della nostra famiglia e cosa invece no. È proprio la consapevolezza del tipo di valori che vogliamo trasmettere a nostra figlia che ci ha spinti a cercare un modello di genitorialità che si confacesse alla nostra famiglia e ad avvicinarci al positive parenting o genitorialità positiva: un cammino che mette al primo posto l’empatia e la ricerca dell’indipendenza del bambino, rispettandone i tempi e le emozioni.


Nel contesto in cui viviamo, multiculturale, plurilingue e ricco di stimoli, l’utilizzare la genitorialità positiva come metodo educativo consente a Gaia Sole di vivere la sua infanzia con serenità e ad affacciarsi alla vita con un bagaglio emotivo ricco ed adeguato.


La voglia di fare di più, mi ha spinto a creare L’ABbraccio: un laboratorio in cui lavorano professionisti che propongono varie attività volte a rafforzare la famiglia e a stimolare le intelligenze dei bambini, che possono così avvicinarsi o rafforzare il loro italiano.

134 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page